ANSA/EPA/JUSTIN LANE

A seguire parlerà Zelensky con un videomessaggio registrato

Si è aperta la seconda giornata della 77esima assemblea generale dell’Onu negli Stati Uniti.

Oggi è il giorno di Joe Biden; a seguire grande attesa anche per il discorso di Zelensky, dopo l’escalation e le nuove minacce del leader del Cremlino, Vladimir Putin.

Intanto in apertura ha preso parola il presidente iraniano Ebrahim Raisi, mentre in Iran si è nel pieno delle proteste dopo l’uccisione di una donna che portava male il velo. Raisi ha chiesto un nuovo processo per Trump, che accusa dell’uccisione del generale Soleimani.

In serata si attende il debutto della premier britannica Liz Truss. Il presidente Biden ospiterà a fine giornata il ricevimento dei leader presenti all’assemblea Onu, al museo americano di storia naturale, dove potrebbe esserci un breve incontro anche con Mario Draghi.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato la comunità internazionale a “fare la massima pressione” sul presidente russo Vladimir Putin, che ha annunciato la mobilitazione parziale.

IL DISCORSO DI BIDEN

Joe Biden nel suo atteso intervento ha condannato fermamente l’invasione russa in Ucraina e ha risposto alla mobilitazione parziale annunciata da Vladimir Putin. «La Russia ha violato i principi della carta Onu – ha esordito Biden – perché voleva violare il diritto dell’Ucraina di esistere come Stato. Questo dovrebbe farvi gelare il sangue nelle vene. È per questo che siamo qui, per condannare con chiarezza la Russia. Gli Usa hanno dato grande sostegno all’Ucraina: oltre 25 miliardi di dollari sono stati investiti e anche i nostri partner in tutto il mondo hanno fatto la loro parte e oggi oltre 40 Paesi rappresentati qui hanno contribuito con miliardi di dollari e attrezzature per aiutare l’Ucraina a difendersi. Abbiamo lavorato per evitare che questo conflitto si estenda ulteriormente. Un Paese può perseguire le proprie ambizioni ma non può mettere a rischio tutto questo, non può essere a spese di un altro Paese.

Siamo stati al fianco dell’Ucraina, vogliamo che questa guerra abbia fine ma vogliamo che avvenga nel modo giusto. Nessuno ha minacciato la Russia, è Mosca che ha deciso la guerra. Dobbiamo tenere fede ai nostri principi: l’Ucraina ha gli stessi diritti di tutti gli altri Stati sovrani. Non è un segreto che gli Stati Uniti difendano la democrazia.

Oggi siamo qui riuniti perché i nostri principi racchiusi nella carta delle Nazioni Unite sono in pericolo. Le minacce nucleari di Putin sono spericolate e irresponsabili».

Biden ha sottolineato che gli Stati Uniti approvano e sostengono i nuovi partner, vogliono “rafforzare e difendere” le democrazie. «Le nostre sanzioni hanno permesso alla Russia di esportare le derrate alimentari senza alcun limite, è la Russia che sta provocando le crisi alimentari, ed è la Russia che se ne deve occupare e sono lieto di vedere che il mondo ha a cuore questa questione. Gli Usa sono i più grandi sostenitori del programma alimentare globale».

In merito ai conflitti mondiali ha dichiarato: «Gli Usa continueranno rimuovere le minacce sul pianeta. Taiwan vuole evitare il conflitto ma anche cambiare lo status. 6 milioni di persone sono fuggite dal Venezuela a causa della violenza. In Yemen le persone soffrono danni a causa della guerra; premiamo per i negoziati tra Israele e Palestina. Chiedo agli Stati di lavorare sulla non proliferazione del nucleare. La Cina sta portando avanti l’aumento del proprio arsenale nucleare, bisogna andare avanti senza necessariamente applicare delle sanzioni, non permetteremo di acquisire armi atomiche».

L’inquilino della Casa Bianca ha poi affrontato la questione dei diritti umani. «Pensiamo alla repressione delle donne in Birmania, in Afghanistan. Vinceremo se permetteremo alle popolazioni di essere responsabili di se stesse. Importanti anche i diritti della comunità LGBTQ+. Diamoci la mano, lavoriamo insieme, dobbiamo essere uniti e rafforzare i valori della Carta dell’Onu».

L’AGENDA DRAGHI

Il premier italiano incontrerà nel pomeriggio il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres e in serata potrebbe parlare con Joe Biden.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA/JUSTIN LANE