EPA/ROMAN ISMAYILOV

In Armenia, prima del cessate il fuoco, i manifestanti chiedevano le dimissioni del primo ministro

È stato negoziato un cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian, dopo la morte di 155 soldati in pochi giorni.

In televisione il segretario del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, Armen Grigoryan, ha annunciato la tregua. Il cessate il fuoco è entrato in vigore alle 20 di mercoledì, dopo un tentativo fallito mediato dalla Russia il giorno prima.

La tregua è stata raggiunta dopo due giorni di scontri violentissimi. Prima della dichiarazione di Grigoryan erano migliaia i manifestanti scesi in strada per chiedere le dimissioni del premier Nikol Pashinyan, colpevole secondo i manifestanti di tradire l’Armenia nel tentativo di placare l’Azerbaigian.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: ANSA/EPA/ROMAN ISMAYILOV