Molti i punti oscuri su cui gli inquirenti tentano di far luce: l’arma e il luogo del delitto, le tempistiche, l’eventuale aiuto di qualcuno

Proseguono, serrate, le indagini per far luce sulla morte della piccola Elena: la bimba di quasi cinque anni di Mascalucia, in provincia di Catania, uccisa dalla madre 23enne.

La donna, Martina Patti, ha confessato l’omicidio, l’arma che ha dichiarato di aver usato, un coltello da cucina, non è ancora stata trovato e gli inquirenti pensano che possa aver avuto un complice, soprattutto nei momenti successivi all’omicidio. Gli interrogatori di amici e familiari, tuttavia, non avrebbero dato elementi utili.

I carabinieri concentrati sul caso, inoltre, non sono convinti della versione offerta dalla donna sul luogo del delitto: lei dice di essere andata a prenderla a scuola, da lì, dopo una sosta a casa, si sarebbe diretta verso la zona di campagna in cui è stato trovato il corpicino, uccidendola e seppellendola. Il racconto, tuttavia, lascia gli inquirenti insoddisfatti e le indagini dei Ris nella casa della donna continuano.

Oggi, intanto, verrà eseguita l’autopsia sul corpo della piccola, trovato seminudo nella campagna di Mascalucia. Un dettaglio, anch’esso, sul quale gli investigatori indagano per capire se possa nascondere ulteriori moventi oltre quello della gelosia.

Martina Patti si trova ora in carcere in attesa della convalida del fermo dove attira l’odio della comunità di Mascalucia e non solo. L’arcivescovo metropolita di Catania, mons. Luigi Renna, nella sua omelia della messa celebrata alla chiesa San Vito di Mascalucia, ha detto: «facciamo silenzio e rispettiamo il dolore. Guardiamo con grande senso di responsabilità a quello che può accadere a chiunque, in circostanze estreme. Ci permettiamo solo di aggiungere al silenzio un invito, quello ad usare misericordia. La vendetta non può riportare in vita la piccola Elena. I sentimenti, pur comprensibili, di rabbia e di astio, non daranno pace a nessuno».

Si teme che la donna possa togliersi la vita.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA