Di fatto, si tratta della vittoria del fronte del “no”. In arrivo i primi exit poll delle Comunali; domani alle 14 gli scrutini

Volge al termine questo infuocatissimo Election Day. Alle 23 hanno chiuso le urne.

Non è stato raggiunto il quorum del 50% + 1 per i cinque referendum sulla giustizia. Di fatto, si tratta della vittoria del fronte del “no”. Stando alle prime stime, si tratterebbe del referendum meno votato.

Secondo Opinio Italia per la Rai, l’affluenza per i referendum si è attestata al 19-23%. Sul sito del ministero dell’interno alle 23 alla chiusura dei seggi, l’affluenza complessiva per i referendum è di circa il 15,18%, in base ai dati oltre 2mila comuni su 7.903 per il quesito 1. 

Il consorzio fornisce le prime e parziali indicazioni per i singoli referendum:
1 – ABOLIZIONE LEGGE SEVERINO SI 52-56, NO 44-48
2 – LIMITAZIONE CUSTODIA CAUTELARE SI 54-58, NO 42-46
3 – SEPARAZIONE CARRIERE MAGISTRATI SI 67-71, NO 29-33
4 – VALUTAZIONE SU OPERATO MAGISTRATI SI 67-71, NO 29-33
5 – ABOLIZIONE RACCOLTA FIRME ELEZIONI CSM SI 66-70, NO 30-34

Roberto Calderoli della Lega, tra i promotori dei quesiti referendari, ha ringraziato “tutti i sostenitori”. «Nonostante tutto, prendo atto del fatto che i Sì sono preponderanti. Non ho problemi a dire che ci sia stato un complotto perché il quorum non potesse essere raggiunto».

PRIMI EXIT POLL COMUNALI

Arrivano i primi exit poll per le Comunali forniti dal consorzio Opinio Italia per la Rai: non si tratta, ovviamente, di dati definitivi, in quanto gli scrutini inizieranno domani alle 14.

GENOVA

Alle comunali di Genova il candidato Marco Bucci (centro-destra) raggiunge una forchetta del 51-55%, seguito da Ariel Dello Strologo (centrosinistra) con il 36-40%.

VERONA

A Verona il candidato Damiano Tommasi (centro-sinistra.) raggiunge una forchetta del 37-41%, seguito da Federico Sboarina (centro-destra) con il 27-31%.

PARMA

A Parma con ogni probabilità ci sarà il ballottaggio tra Michele Guerra e l’ex sindaco Pietro Vignali. Secondo gli exit poll della Rai Guerra, sostenuto dal centrosinistra è fra il 40 e il 44% lontano dal traguardo del 50%. Vignali, sostenuto da Lega e Forza Italia si attesta su una forbice tra il 19 e il 23%.

CATANZARO

A Catanzaro il candidato Valerio Donato (Fi-Lega) si attesta al 40-44%, seguito da Nicola Fiorita (Pd-M56) con il 31-35%. Da segnalare che una sezione è rimasta ancora aperta. Nel quartiere Mater Domini si è formata una coda con persone che erano al seggio prima delle 23. Per consentire loro di esprimere la propria preferenza, le urne sono rimaste aperte.

PALERMO

Alle comunali di Palermo il candidato Roberto Lagalla (centrodestra) raggiunge una forchetta del 43-47%. In base alla legge regionale sarebbe nominato sindaco di Palermo. Al secondo posto Franco Miceli (centrosinistra) con il 27-31%.

L’AQUILA

A L’Aquila, invece, Pierluigi Biondi (centro-destra) il 49-53%, seguito a distanza da Stefania Pezzopane (centrosinistra) con il 23-27%.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/IGOR PETYX