ISOLA D'ELBA

La donna era scomparsa ieri è stata ritrovata viva in una zona impervia

Si è risolto nel migliore dei modi il giallo che ha animato in questi giorni l’Isola d’Elba.

Ieri era scomparsa Marina Paola Micalizio, la figlia dell’ex super-poliziotto Pippo Micalizio. Questa mattina all’alba sugli scogli è stato trovato morto il cane della donna, 48enne, vicino anche il cellulare.

Le attività di ricerca sono state coordinate dai vigili del fuoco e dai carabinieri forestali. La scomparsa infatti era stata segnalata in zona boschiva.

Il padre della donna, Pippo Micalizio, morto nel 2005, si guadagnò il titolo di superpoliziotto per via delle prime grandi maxi operazioni contro la mafia e la ‘ndrangheta al Nord, da lui dirette a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. Fu vicedirettore della Dia ed è stato numero uno dei servizi centrali antidroga. Nel 2001 è stato a Genova per gestire le indagini post G8 su irruzione di poliziotti e carabinieri nella scuola Diaz e i fatti controversi nella caserma di Bolzaneto.

L’11 luglio del 2003, su proposta dell’allora ministro dell’Interno venne nominato prefetto collocato fuori ruolo presso la presidenza del Consiglio. La famiglia Micalizio aveva una villa all’isola d’Elba dove la 48ennetrascorreva le vacanze estive.

In serata arriva la notizia del ritrovamento di Marina Paola Micalizio. La donna è stata ritrovata viva tra gli anfratti di una scogliera nella zona di Procchio. La zona è molto impervia e per salvare la donna è stato necessario l’intervento via mare. La zona non era lontana da quella del ritrovamento del cane, morto probabilmente per annegamento.

di: Micaela FERRARO

aggiornamento: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: SHUTTERSTOCK