ANSA/FABIO FRUSTACI

La decisione del leader di Azione: “non intendo andare avanti su questa alleanza”

Colpo di scena in campagna elettorale: il leader di Azione Calenda fa un passo indietro e annuncia di non voler proseguire con l’alleanza con il Partito Democratico di Enrico Letta. «Non intendo andare avanti con questa alleanza perché è contraria a tutto quello che ho promesso. Non mi sento più a mio agio, dentro questa alleanza non c’è coraggio, bellezza, serietà e amore a fare politica – ha detto. – Alla vigilia di queste elezioni ho intrapreso un negoziato con il Pd perché non ho mai avuto come obiettivo quello di distruggere il Pd. Ho fatto negoziato con Letta con in testa l’idea di costruire un’alternativa di governo. Mano a mano che la negoziazione andava avanti si aggiungevano pezzi che stonavano e in particolare che l’accordo si basava sul rifiuto del M5S. Oggi mi trovo a fianco a delle persone che hanno votato 52 volte la sfiducia a Draghi e che hanno indebolito il dibattito con il popolo italiano».

Enrico Letta rompe il silenzio su quanto accaduto e annuncia: «noi andiamo avanti nell’interesse dell’Italia. Mi pare che l’unico alleato possibile per Calenda sia Calenda».

«In politica contano le relazioni tra persone e il reciproco rispetto pur nelle differenze. Per questo esprimo vicinanza e sostegno a Enrico Letta – è il commento di Angelo Bonelli, leader di Europa Verde. – Continuiamo a lavorare con responsabilità per la democrazia, la giustizia sociale e ambientale confermando la nostra alleanza. Prendo atto della scelta di Calenda che ha scelto gli interessi del suo partito anziché rafforzare il campo per battere la destra».

CHIARA APPENDINO SI CANDIDA

L’ex sindaco di Torino Chiara Appendino ha annunciato la sua intenzione di candidarsi per le prossime elezioni e di essere a disposizione di Giuseppe Conte e del Movimento pentastellato. «Il Movimento è la mia casa politica e sono orgogliosa di farne parte – ha detto. – Quando sei parte di qualcosa devi avere il coraggio di metterti in gioco, anche nei momenti più difficili. Sono qui per dirvi che mi metto a disposizione della comunità del M5S e del progetto del suo presidente».

REAZIONI AL CENTRODESTRA

Dopo la firma del patto al centrosinistra, il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi commenta la situazione politica in questa campagna elettorale appena iniziata dichiarando che dalla sinistra arriva “solo denigrazione” e che Giorgia Meloni è “coraggiosa” come lui stesso.

«Da parte delle sinistre vedo i prodromi di una campagna solo di denigrazione dell’avversario. Non riescono a dire nulla sul loro programma. Forse perchè sono in disaccordo su tutto. Da parte nostra invece parliamo di contenuti, del nostro progetto per far ripartire l’Italia. E lo facciamo con un linguaggio sereno e rispettoso».

Intanto Mariastella Gelmini ha dichiarato che i ruoli rimangono chiari: “Calenda ha posto un problema di coerenza” ha spiegato, perché il “Pd doveva fare chiarezza” e “assicurare il rispetto del patto” sottoscritto anche da Gelmini stessa. «L’alleanza si basa su due distinte aree: quella liberale, popolare e riformista rappresentata da Calenda e quella di sinistra, rappresentata da Letta».

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/FABIO FRUSTACI