Trump

Da un comizio in Arizona il Tycoon torna ad attaccare le teorie del cambiamento climatico e la politica estera di Biden

«Non c’è da preoccuparsi» se gli oceani si alzeranno: «lo scenario peggiore sarà che avremo un po’ più di proprietà con vista mare». Così Donald Trump torna a irridere il cambiamento climatico, rivolgendosi ai suoi sostenitori radunati ad Anchorage in Alaska.

Nel corso del comizio il magnate non perde occasione per attaccare Biden e accenna anche al suo contestato viaggio in Arabia Saudita: «una volta non gli piaceva, a me sì».

Non poteva mancare la rivendicazione della sentenza della Corte Suprema sul diritto all’aborto: «ci hanno provato per anni e noi ci siamo riusciti» ha dichiarato orgogliosamente, prima di attaccare la Cina cui “faremo pagare la responsabilità di aver diffuso il virus” del Covid.

Rispetto alla politica estera Trump ripete che con lui alla Casa Bianca “non ci sarebbe stata l’invasione russa” e che “se le elezioni fossero andate in modo diverso non avremmo lasciato l’Afghanistan in quel modo, lasciando materiale militare per miliardi di dollari, e non ci sarebbe stato il disastro ucraino con centinaia di migliaia di morti“.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/ UFFICIO STAMPA/ WARNER BROS.DISCOVERY