sharm el sheik intossicazione

Le condizioni di salute del padre del piccolo non consentono alla famiglia palermitana di rientrare con un volo di linea. La Farnesina: “massima assistenza”

«Aiutateci, ci serve un volo speciale per tornare in Italia» è questo l’appello lanciato da Rosalia Manosperti, la mamma del piccolo di 6 anni morto in seguito a un’intossicazione alimentare mentre si trovava in vacanza insieme ai genitori in un resort a Sharm el-Sheik.

Anche la donna, incinta di quattro mesi, ha presentato i sintomi dell’intossicazione ma sarebbe in buone condizioni, mentre il marito sarebbe ancora ricoverato per il medesimo malessere.

«Da sabato sono ricoverata all’ospedale di Sharm el-Sheik insieme a mio marito dove abbiamo anche perso nostro figlio di sei anni – spiega Manosperti nel suo appello. – Le nostre condizioni di salute non ci permettono di prendere un volo di linea normale. Richiedo a tutte le istituzioni competenti di attivarsi affinché ci riportino in Italia il prima possibile con un volo di linea speciale».

Riguardo le condizioni di salute del padre del piccolo, rinnovando l’appello alle istituzioni il cognato fa sapere che il suo stato “registra lievi miglioramenti“.

«Il problema è che persiste il basso valore di ossigenazione del sangue non appena gli viene tolta la mascherina dell’ossigeno – spiega. – Una situazione che non gli permette di prendere il primo volo di linea con mia sorella e ritornare a casa».

Nel frattempo dalla Farnesina fanno sapere che sono in corso i preparativi per il trasferimento della famiglia a Palermo a spese dello Stato: «il procuratore locale ha dato il via libera al possibile rientro dei due genitori non appena saranno dimessi, il piccolo invece dovrà rimanere per l’autopsia – spiega il Ministero. – Noi continueremo a fornire la massima assistenza».

Anche l’ambasciata al Cairo e il consolato onorario a Sharm el Sheikh “seguono costantemente il decorso medico dei genitori del piccolo Andrea, assistendo la signora Rosalia Manosperti già dimessa dall’ospedale internazionale di Sharm el Sheikh, dove resta al momento ancora ricoverato Antonio Mirabile.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/TELENEWS