La stella del basket Usa, sotto processo a Mosca, si è dichiarata colpevole di contrabbando di stupefacenti

Durante il processo a Mosca, Brittney Griner si è dichiarata colpevole di contrabbando di stupefacenti.

«Desidero dichiararmi colpevole di tutte le accuse» ha detto alla corte la stella del basket statunitense, aggiungendo che “non aveva intenzione di violare la legge russa”.

La cestista era stata arrestata a febbraio perché trovata in possesso di olio di cannabis all’aeroporto di Mosca. Ora rischia fino a 10 anni di carcere.

di: Francesca LASI

FOTO: SHUTTERSTOCK