EPA/CLEMENS BILAN / POOL

Grattacapi a non finire per BoJo dopo lo scandalo Pincher

Lo scandalo Pincher sta trascinando nel baratro l’intero governo di Boris Johnson. A seguito dello scandalo e della presunta connivenza del premier inglese il ministro della Sanità Sajid Javid e il cancelliere dello Scacchiere (e responsabile della politica economica), Rishi Sunak si sono dimessi.

Galeotta fu la birra e chi la bevve, verrebbe da dire, ma anche il tentativo di giustificare la mancata sospensione o allontanamento del fedelissimo Pincher da parte di Johnson ha suscitato diverse perplessità, dato che la linea di BoJo è stata di dire di aver dimenticato di essere stato messo al corrente, oltre due anni fa, degli atteggiamenti molesti di Pincher.

Questo ha provocato le dimissione di Javid prima e Sunak immediatamente dopo, spiegando di non essere più in grado di “servire in buona coscienza in questo governo“.

Johnson sarebbe riuscito già a correre ai ripari nominando i due nuovi ministri a Salute e Finanza.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: EPA/CLEMENS BILAN / POOL