Il patron di Tesla ha inviato una lettera per completare l’acquisizione

Elon Musk ha inviato una lettera a Twitter chiedendo dati e informazioni su spam e account falsi così da poter finalizzare l’acquisizione del social, operazione che ha un valore di 44 miliardi di dollari.

«Musk ritiene che l’azienda stia attivamente resistendo e ostacolando i suoi diritti di informazione», fanno sapere gli avvocati di Musk.

Il leader di Tesla, infatti, ha dichiarato che il rifiuto di Twitter di fornire le informazioni ripetutamente richieste sugli account è una violazione dell’accordo di fusione. «L’ultima offerta di Twitter di offrire dettagli sulle metodologie che usa è equivalente a un rifiuto di soddisfare della richiesta di Musk. – Scrivono nella lettera. – Gli sforzi di Twitter di caratterizzare la richiesta in altro modo sono solo un tentativo di offuscare e confondere. Musk ha detto chiaramente che non crede che le metodologie della società siano adeguate. I dati che ha richiesto sono necessari».

Alla luce di tutto questo Musk si riserva il diritto di mettere fine all’accordo di fusione con Twitter in caso di violazione dell’intesa.

di: Micaela FERRARO

FOTO: IMAGO ECONOMICA