Shiffrin

L’americana domina la classifica generale. Secondo e terzo posto per la svizzera Gut-Behrami e l’azzurra Brignone

Si è conclusa a Kronplatz (Bolzano) la discesa di Gigante valevole per la Coppa del Mondo. A trionfare è ancora una volta l’americana Mikaela Shiffrin che a soli 28 anni ha registrato il record assoluto nel femminile, agguantando la sua 83esima vittoria. Ora la sciatrice è a soli tre punti dal primato mai segnato nella classifica generale, attualmente detenuto dallo svedese Jan Ingemar Stenmark. Bene Brignone che si piazza in terza posizione.

Il secondo posto è della svizzera Lara Gut-Behrami, a 45 centesimi da Shiffrin, che realizza anche il miglior tempo sia nella prima sia nella seconda manche.

Niente da fare per tutte le altre azzurre in gara che non superano lo scoglio della prima manche.

«e di aver infilato braccia e gamba e mi sono girata. Lì ho perso almeno 7 decimi, ma per fortuna sono rimasta in piedi. Complessivamente, fino all’errore, comunque ho fatto una buona gara. Nella prima manche avevo forse avuto troppo rispetto per la pista, nella seconda sono andata più all’attacco, ma ho sbagliato. Certo oggi cedo il pettorale rosso, ma domani c’è un’altra gara e proverò a recuperarlo ed è bello che sia così» conclude fiduciosa.

Quanto alla classifica generale, nessun ostacolo all’orizzonte per Shiffrin che domina solitaria a quota 1417 punti; Gut-Behrami segue a 861 punti. Quarta Federica Brignone (656 punti), quinta Marta Bassino (638 punti).

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/LUCIANO BISI