ceglie messapica donna congelatore

La Procura di Brindisi persegue il reato di occultamento di cadavere. Il 55enne e la 82enne abitavano insieme

Proseguono a ritmo serrato le indagini degli inquirenti sul delitto di Ceglie Messapica, nel brindisino, dove il cadavere di una donna di 82 anni è stato ritrovato in un congelatore a pozzetto della sua abitazione in campagna. Al momento è indagato per occultamento di cadavere il figlio, il 55enne Angelo Bellanova che abitava insieme alla donna.

La Procura non ha chiesto il fermo per l’uomo, indagato a piede libero. Dopo un interrogatorio di tre ore, Bellanova avrebbe spiegato al pm che la donna è morta qualche giorno fa per cause naturali. Così lui, dopo averla vegliata per un giorno, l’avrebbe riposta nel congelatore perché non se la sarebbe sentita di tumularla.

L’uomo ha sempre vissuto con la madre ed è un percettore di pensione di invalidità a seguito di un incidente sul lavoro.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA