ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Le primarie il 19 febbraio, il primo sabato di dicembre iniziative sul territorio

Ha aperto oggi l’Assemblea del Partito Democratico Enrico Letta, ex segretario uscente, con un appello a difendere la Costituzione contro quello che definisce: «scontro continuo su tutti i temi identitari. Penso alla vicenda di Catania, alla norma sugli assembramenti. Poi è stato presentato il grande pasticcio istituzionale, la somma di autonomia differenziata e presidenzialismo. Mettono insieme il regionalismo sovranista leghista e la bandiera presidenzialista di FdI. Non lo consentiremo. Difenderemo i principi della Costituzione e di una unità tra i territori».

Contestualmente Letta ha annunciato la data delle prossime primarie: «La proposta è il 19 febbraio – ma già dal 3 dicembre ci saranno le prime– iniziative su tutti i territori sulla nostra controproposta di legge di bilancio». Letta è tornato inoltre a difendere il proprio ruolo alla segreteria, criticato da diverse correnti interne: «Io ho voluto interpretare il mio ruolo come avevo detto: qualcuno che si assume le responsabilità, le critiche e anche i fischi. Questo ruolo serve a fare le scelte giuste» e fa un appello contro ripicche e divisioni: «mai dare credito a quelle voci che dicono ‘se vince tizio o caio quello non è più il mio partito’. Noi dobbiamo essere tutti fortemente impegnati a dire ‘questo è il nostro partito’. L’impegno è per un congresso che consenta a tutti di essere protagonisti e soprattutto di allargare».

di: Caterina MAGGI

FOTO: ANSA/MASSIMO PERCOSSI