iran

Oltre 1.000 persone andranno a processo nella sola Teheran per aver preso parte alle manifestazioni

I Paesi occidentali avrebbero provocato le proteste che da oltre un mese infiammano l’Iran, dopo la morte di Mahsa Amini. È questa l’ultima accusa della Repubblica islamica, come affermato dal portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani, citato da Irna.

Secondo Kanani, i Paesi dell’Occidente “hanno creato condizioni improprie che non hanno permesso di ascoltare le critiche espresse in modo pacifico” e, ancora, avrebbero diffuso una fotografia sulle condizioni della donna che non rappresenta la realtà.

Il funzionario, infine, ha espresso le sue critiche nei confronti delle sanzioni imposte dal Canada e dagli Usa contro Teheran per la repressione.

Nel frattempo, funzionari della Magistratura iraniana hanno annunciato che nella sola Teheran 1.000 persone andranno a processo per aver preso parte alle proteste, divampate in oltre 100 città in tutto il Paese, avendo compiuto “azioni sovversive” e avendo assunto un ruolo centrale nelle manifestazioni.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/EPA/AREF TAHERKENAREH