EPA/EVGENIA NOVOZHENINA

La condanna è stata confermata dalla Corte d’appello di Mosca

La cestita americana Brittney Griner è stata condannata a 9 anni di reclusione in Russia.

La sportiva è stata incriminata per la detenzione di stupefacenti, la Corte d’appello di Mosca ha confermato la condanna che era stata espressa ad agosto e prevedeva anche una pena pecuniaria da un milione di rubli (quasi 16 mila euro).

Il caso dell’atleta statunitense aveva fatto molto discutere, diventando un caso diplomatico tra Usa e Russia. Griner è stata trovata in possesso di olio di cannabis nella sigaretta elettronica e si è detta colpevole in tribunale, sostenendo la non intenzionalità del crimine commesso. La sportiva ha partecipato via video con un collegamento dal carcere di Novoye Grishino.

«Siamo a conoscenza delle notizie provenienti dalla Russia che Brittney Griner continuerà ad essere ingiustamente detenuta sotto circostanze intollerabili dopo un altro processo farsa», ha dichiarato il consigliere per la Sicurezza nazionale Usa, Jake Sullivan, dopo la conferma della pena per la star del basket femminile americano.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: EPA/EVGENIA NOVOZHENINA