ANSA / CIRO FUSCO

Il ministro della Cultura ha visitato Firenze in occasione del 30esimo anniversario della strage di via dei Georgofili

 Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano si è recato a Firenze, in via dei Georgofili, luogo dell’attentato del 27 maggio 1993, in cui morirono cinque persone a causa dell’esplosione di un’autobomba.

«La mafia non ha soltanto prodotto enormi danni al mezzogiorno d’Italia, la mafia è stata anche stragista, quindi era doveroso questo omaggio nel momento in cui lo Stato ha dimostrato di essere all’altezza e ha catturato Messina Denaro ha dichiarato Sangiuliano – Era doveroso da parte nostra rivolgere la memoria a quelle che furono le vittime di questa strage per ripensare cosa sono stati questi anni ma pure per immaginare un punto di svolta per una società che sia assolutamente legalitaria. Non bisogna mai abbassare la guardia, bisogna andare avanti e partire dalla memoria di ciò che è stato. Nel momento in cui lo Stato ha dimostrato di essere all’altezza e ha catturato Messina Denaro era doveroso rendere omaggio alle vittime dei Georgofili per ripensare a quanto accaduto all’epoca e immaginare un punto di svolta per una società nella piena legalità».

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA / CIRO FUSCO