proteste perù polizia

In occasione della manifestazione nazionale voluta da sindacati e organizzazioni sociali

Continuano le mobilitazioni in Perù. Sono più di 10mila gli agenti della Polizia nazionale peruviana (Pnp) schierati nel centro di Lima per la manifestazione nazionale convocata da sindacati e organizzazioni sociali. Lo ha riferito la Pnp sui social.

«Oltre 10 mila agenti sono già concentrati nella caserma di Potao pronti per essere schierati nelle loro posizioni per mantenere l’ordine interno e pubblico del Paese» si legge.

Gli organizzatori della Marcia de los 4 Suyos (ripreso dall’antica denominazione dell’impero incaico Tawantinsuyu che nella lingua quechua significa “quattro regioni” o “quattro punti cardinali”) vogliono portare la protesta alle porte del palazzo di Governo. Già nella mattinata di giovedì 19 gennaio diversi cortei hanno iniziato a raggrupparsi in diversi punti della città.

Nella sola giornata di giovedì 19 gennaio, scioperi e proteste hanno causato un morto e 38 feriti. La vittima è un manifestante che si trovava all’aeroporto internazionale di Arequipa. Il ministro dell’Interno, Vicente Romero, ha rivolto un appello ai manifestanti chiedendo loro di “abbandonare la violenza”.

di: Francesca LASI

aggiornamenti: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA/Paolo Aguilar