RUMEN RADEV BULGARIA

Fallito anche il terzo tentativo di formare un governo. Le prossime saranno le quinte elezioni parlamentari in due anni

La Bulgaria andrà a nuove elezioni parlamentari anticipate il 2 aprile. Lo ha comunicato il presidente Rumen Radev, dopo il fallimento dei tre tentativi previsti dalla legge per la formazione di un nuovo esecutivo seguiti al voto, anch’esso anticipato, del 2 ottobre scorso.

«Firmerò un decreto per sciogliere la 48esima legislatura il 3 febbraio e indire le nuove elezioni il 2 aprile prossimo» ha dichiarato Radev, che ha chiesto ai deputati dell’attuale parlamento di impegnarsi al massimo, nei giorni che restano fino al voto, e concentrarsi su tematiche di stretta attualità per i cittadini bulgari.

Con un altro decreto il presidente dovrà nominare un governo ad interim che avrà il compito di organizzare le nuove elezioni parlamentari, le quinte negli ultimi due anni. Dopo i conservatori del Gerb, vincitori delle elezioni di ottobre, e i liberali di Continuiamo il cambiamento, il Partito Socialista è stata l’ultima forza politica a rimettere il mandato per la formazione del Governo.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/EPA/MARTIN DIVISEK