FEDEZ

Durante una puntata del podcast Muschio Selvaggio il rapper ha pronunciato la frase «Intanto non l’hanno mai trovata…» seguita da una risata. Pietro, il fratello di Emanuela, parla di immaturità ma smorza i toni

Scoppia la bufera su Fedez. Durante una puntata del podcast Muschio Selvaggio il rapper milanese ha parlato del caso di Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana 15enne scomparsa il 22 giugno 1983.

Durante la chiacchierata con Luis Sal e l’ospite, il giornalista di Quarto Grado Gianluigi Nuzzi, si è fatto riferimento alla recente serie Netflix Vatican Girl e Fedez ha così commentato: «Beh, innanzi tutto possiamo dire, non l’hanno mai trovata». Evidente l’imbarazzo di Nuzzi, che ha risposto risposto piccato: «Questo è black umor che è sideralmente antitetico rispetto a un giornalista». Il cantante ha, quindi, ribattuto: «Scusami, mi faceva troppo ridere ma non fa ridere».

Sui social sono subito partite le critiche al rapper, tanto da arrivare in trending topic su Twitter.

È poi intervenuto Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, che ha accusato Fedez di immaturità ma ha cercato di smorzare i toni. «In tanti anni ho dovuto subire comportamenti in malafede e cattivi ben peggiori di una risata non nata sicuramente con la volontà di offendere, o mancare di rispetto – ha dichiarato all‘ANSA Ovviamente mi è dispiaciuto. Non capivo cosa ci fosse da ridere dicendo “non l’hanno trovata, la stanno ancora cercando. Credo che si tratti semplicemente di un momento di immaturità, come quando da ragazzini poteva scappare una risata durante un funerale. Ccredo che in questa vicenda che dura da 40 anni vi siano atteggiamenti molto più gravi da parte di intere istituzioni che dovrebbero far indignare molto di più di una, seppur fuori luogo, risata».

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/MATTEO CORNER