lima perù

Scontri in tutto il Paese, dall’inizio delle proteste diversi morti e feriti

La situazione in Perù non si placa e durante gli ennesimi scontri tra polizia e manifestanti sono decine i feriti.

A Lima, secondo quanto riporta il Guardian, gli agenti di polizia hanno utilizzato gas lacrimogeni per allontanare i manifestanti che lanciavano bottiglie di vetro e pietre. Inoltre, sono divampati diversi incendi.

1500 manifestanti hanno attaccato una stazione di polizia a Ilave, qui dopo gli scontri 8 pazienti sono stati ricoverati in ospedale. Nel pomeriggio di ieri risultavano 58 persone ferite a causa degli scontri. Sempre ieri è stato appiccato il fuoco a uno degli edifici più antichi di Lima e la presidente Boluarte ha promesso il pugno duro contro i “vandali”.

Il bilancio delle vittime, dall’inizio delle manifestazioni dopo la destituzione dell’ex presidente Castillo, è di 54 morti, tra cui un poliziotto bruciato vivo. L’ultimo in ordine di tempo uno scontro a Llave, nella regione meridionale peruviana di Puno che ha provocato ieri la morte di una persona ed il ferimento di altre sette.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: ANSA/EPA/STR