EPA/ALAA BADARNEH

Si tratterebbe di Ahmed Hassan Kahla, secondo l’Idf avrebbe tentato di accoltellare dei soldati; ferito anche il figlio

Un palestinese è stato ucciso dopo aver tentato di accoltellare dei soldati nei pressi dell’insediamento ebraico di Ofra, non distante da Ramallah in Cisgiordania. Questo è stato riportato da fonti dell’esercito israeliano, che però non ha lasciato ulteriori commenti alla rivelazione dell’identità dell’uomo.

L’agenzia Wafa – che cita fonti mediche locali – ha identificato l’uomo: si tratterebbe di Ahmed Hassan Kahla (45 anni) che secondo le prime ricostruzioni non militari si trovava sul posto con il figlio è stato ferito dagli spari dei soldati. Ahmed è il 13esimo palestinese ucciso dall’inizio dell’anno in Cisgiordania, dove l’Idf a seguito di alcuni attacchi con arma bianca nelle colonie israeliane (che hanno causato diversi morti l’anno scorso) ha iniziato una massiccia campagna di arresti senza accuse formali, perquisizioni e chiusure forzate dei campi profughi dove, secondo gli inquirenti di Tel Aviv, troverebbero rifugio i miliziani della nuova formazione palestinese, la Fossa dei Leoni.

Questa morte non completamente chiara arriva inoltre in un momento di tensione interna per Israele, alle prese con imponenti manifestazioni di piazza contro il governo di destra. Il presidente Isaac Herzog ha commentato in seguito ai cortei contro le leggi sulla giustizia volute dall’esecutivo a guida Netanyahu: «siamo alle prese con un profondo disaccordo che sta lacerando la nostra nazione. Questo conflitto – ha aggiunto – mi preoccupa profondamente, come preoccupa molti in Israele e nella diaspora».

di: Caterina MAGGI

FOTO: EPA/ALAA BADARNEH