EPA/STEPHANIE LECOCQ

Programma il veicolo intelligente per uccidere moglie e figli, ma fallisce

Sarebbe stato tutt’altro che casuale l’incidente occorso a Dharmesh Arvin Patel, l’uomo di 41 anni che ha fatto precipitare la sua Tesla dalla cima del “Devil’s Slide”, una nota scogliera californiana. Insieme a lui nella Tesla c’erano la moglie e i loro due figli, di 7 e 4 anni. L’incidente è stato notato da un passante, che ha notato inizialmente un’auto bianca uscire in velocità da una galleria, per poi sfondare il guard rail e precipitare nel vuoto per oltre 80 metri.

Immediato l’intervento di una cinquantina di soccorritori, che hanno miracolosamente trovato i quattro occupanti dell’auto vivi e coscienti. I piccoli sono stati recuperati con l’aiuto di funi, mentre per gli adulti è stato necessario un elicottero. I quattro sono stati ricoverati in ospedale, ma le loro vite non sono in pericolo. «È a dir poco un miracolo che siano sopravvissuti», ha sottolineato Brian Pottenger, capo dei pompieri, sulla KTVU. Ma sull’incidente si sono immediatamente concentrati anche gli inquirenti statunitensi, che hanno fatto una scoperta stupefacente: Patel, radiologo, ora è indagato per tentato omicidio e abusi su minori. Non sono noti i particolari della vicenda, ma si sospetta che l’incidente sia stato tutto meno che accidentale. In un comunicato la polizia ha dichiarato che: “gli investigatori hanno raccolto indizi che fanno supporre si sia trattato di un atto compiuto intenzionalmente”.

di: Caterina MAGGI

FOTO: EPA/STEPHANIE LECOCQ