EPA

Secondo la polizia sarebbe un furto finito male, uccisa anche la guardia del corpo

Non è riuscita nemmeno a tentare di difendersi l’ex deputata afghana Mursaal Nabizada, assassinata, insieme alla sua guardia del corpo, ieri sera nella sua abitazione a Kabul da un commando di uomini armati. Anche il fratello è rimasto ferito nell’attentato. Lo ha riferito l’emittente locale Tolo New, citando Khalid Zadran, portavoce del ministero della Sicurezza. 

Secondo il portavoce della polizia di Kabul si sarebbe trattato di un furto: sono stati rubati infatti gioielli e beni appartenenti alla donna, mentre non sembrano esserci rivendicazioni sull’omicidio. Ma sono tanti, troppi, gli attentati, attacchi suicidi e omicidi mirati di militari e civili afghani a cui si va ad aggiungere ora quello di Nabizada. L’ultimo in ordine di tempo l’attentato davanti al ministero degli Esteri di Kabul, dove un kamikaze ha causato diversi morti e feriti.

di: Caterina MAGGI

FOTO: EPA