salvini rocca

Il ministro inaugura la campagna elettorale di Rocca riprendendo i vecchi temi della destra romana

La corsa per le regionali è ufficialmente iniziata: nel Lazio il candidato del centrodestra Francesco Rocca ha inaugurato la sua campagna elettorale con un evento allo Spazio 900 all’Eur di Roma, cui ha preso parte anche il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini. Il leader della Lega coglie l’occasione per riprendere dei vecchi leitmotiv del Carroccio.

«Accogliamo tutti – si rivolge alla platea Salvini – estendiamo i diritti, ma agli italiani». Fra i presenti anche Mauro Antonini, oggi candidato nelle file della Lega per sostenere Rocca ed ex Casa Pound.

Salvini ha colto l’occasione anche per commentare la cattura e l’arresto di Matteo Messina Denaro. «Sapere che stasera un mafioso non dormirà nel suo letto mi rende soddisfatto del lavoro delle forze dell’ordine – plaude il ministro e vicepremier. – Sono garantista con chi merita di essere tutelato dal garantismo e sono contro la pena di morte e resto contro la pena di morte, perché alla barbarie non si risponde con la barbarie, anche se pensando alla cattiveria e alla brutalità di certe persone mi vengono altri pensieri» aggiunge.

Nordio: “nella lotta alla mafia intercettazioni assolutamente indispensabili”

A proposito di lotta alla mafia e terrorismo, il Guardasigilli Carlo Nordio è tornato a parlare delle intercettazioni. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, il ministro ha ribadito che si tratta di strumenti “assolutamente indispensabili” in questo tipo di indagini “per comprendere i movimenti di persone sospettati di reati gravissimi“.

«Quello che va cambiato – ha voluto poi ribadire Nordio – è l’abuso che se ne fa per reati minori, con la diffusione sulla stampa di segreti individuali che non hanno a che fare con le indagini. Credo che ci sia malafede quando si confondono i due campi» conclude il ministro.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/CLAUDIO PERI