EPA/JOEDSON ALVES

Coinvolto nella manifestazione anche l’aeroporto internazionale Viracopos di San Paolo

Nonostante l’ormai definitiva vittoria di Lula alle presidenziali in Brasile, i sostenitori del presidente uscente Jair Bolsonaro continuano a protestare per la sua sconfitta. Oggi, infatti, hanno bloccato oggi prima dell’alba la via d’accesso all’aeroporto internazionale Viracopos, nello Stato di San Paolo, protestando per presunti brogli.

A dare il via alla protesta sono stati i camionisti che hanno bloccato il passaggio di veicoli collocando anche tronchi e terra sul manto stradale all’incrocio tra le autostrade Santos Dumont e Miguel Melhado Campos, nei pressi di Campinas, a circa 100 chilometri dalla città di San Paolo. L’arrivo delle forze dell’ordine che, con l’ausilio di trattori, hanno ripristinato il passaggio, ha messo fine alla manifestazione di dissenso.

Si tratta, tuttavia, solo dell’ultima iniziativa di questo tipo: nelle scorse settimane, infatti, i sostenitori di Bolsonaro hanno innalzato posti di blocco su centinaia di strade in tutto il Paese, insieme ad alcuni sit-in davanti a un comando dell’esercito brasiliano a est di San Paolo, al quartier generale dell’esercito a Brasilia e ad altre unità militari, per sollecitare un intervento militare.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/EPA/JOEDSON ALVES