SHUTTERSTOCK

Il telescopio ha immortalato due galassie tra le prime dell’universo primordiale, tra 350 e 450 milioni di anni dopo il Big Bang

Il telescopio James Webb ha individuato due delle galassie più antiche del cosmo.

Lo strumento delle agenzie spaziali di Stati Uniti (NASA), Europa (ESA) e Canada (CSA) nelle sue prime osservazioni scientifiche ha infatti immortalato due galassie tra le primissime dell’universo primordiale, tra 350 e 450 milioni di anni dopo il Big Bang.

A confermarlo lo studio di un team internazionale guidato dall’Italia, con l’Istituto Nazionale di Astrofisica. I risultati sono stati pubblicati su The Astrophysical Journal Letters.

«C’era molta curiosità nel vedere finalmente cosa Jwst poteva dirci sull’alba cosmica, oltre naturalmente al desiderio e all’ambizione di essere i primi a mostrare alla comunità scientifica i risultati ottenuti dalla nostra survey Glass – ha dichiarato Marco Castellano, ricercatore Inaf a Roma e primo autore dell’articolo – Non è stato facile analizzare dei dati così nuovi in breve tempo: la collaborazione ha lavorato 7 giorni su 7 e in pratica 24 ore su 24 anche grazie al fatto di avere una partecipazione che copre tutti i fusi orari».

di: Francesca LASI

FOTO: SHUTTERSTOCK