SHUTTERSTOCK

La religiosa è stata ripresa mentre schiaffeggiava due bambini di quattro e 8 anni. Tre compagne, tra cui la Madre superiora, accusate di concorso

Marie Georgette Rahasimalala, suora 55enne originaria del Madagascar, è finita in manette con l’accusa di maltrattamenti su minore con l’aggravante dell’abuso della condizione di inferiorità fisica e psichica determinata dall’età delle vittime nonché di commettere i reati all’interno di istituto di educazione e formazione. La religiosa opera, infatti, nell’Istituto religioso Santa Maria della Provvidenza di Casamicciola Terme, a Ischia, che ospita bambini in attesa di affidamento o adozione.

Nell’operazione condotta dai carabinieri della Compagnia di Ischia su ordinanza cautelare sono state coinvolte quattro suore, tra cui la Madre superiora dell’istituto. Stando a quanto emerso durante le indagini gli atti di violenza erano all’ordine del giorno con tirate di capelli, schiaffi alla nuca, calci, ciabatte sulle mani. Agli ospiti era inoltre vietato usale il cellulare ed erano intimati al silenzio.

La 55enne è finita in carcere perché ripresa in un video girato da una minorenne: le immagini mostrano la suora schiaffeggiare e i tirare i capelli a un bambino di quattro anni, violenza poi destinata anche al fratello di 8 anni intervenuto per difenderlo. Le tre compagne – la Madre superiora Angela De Bonis, 81 anni, Noeline Razanadraozy, 51 anni, anche lei del Madagascar e addetta alla mensa, e Alice Albaracin, quasi 48 anni, nata nelle Filippine, consorella addetta al servizio doposcuola – sono state sottoposte a divieto di dimora in Regione Campania perché ritenute concorrenti nel reato di maltrattamenti.

Nei prossimi giorni si terranno le udienze di convalida per le suore mentre si continua a indagare su eventuali altre vittime.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: SHUTTERSTOCK