Giovani donne che decidono di farsi mantenere da un partner agiato per condurre una vita da casalinghe

Se da una parte le donne nel mondo tentano di conquistare sempre più indipendenza e autodeterminazione, dall’altra ci sono le “stay-at-home-girlfriend”, donne che decidono di non lavorare e occuparsi della casa e del loro aspetto venendo supportate economicamente dal proprio partner. Il tutto, ovviamente, mostrato sui social. A diffondere il trend è ancora una volta TikTok, la piattaforma che sta mettendo in ombra i ben più vecchi colossi social, dove l’hashtag #stayathomegirlfriend conta ben 134 milioni di visualizzazioni.

Sul social network si susseguono centinaia di video che mostrano più o meno lo stesso contenuto: ragazze e giovani donne che descrivono ai followers le proprie giornate tra pulizie e incombenze casalinghe, esercizi fisici per restare in forma come yoga e pilates, doti culinarie di cui fare sfoggio in attesa del ritorno a casa dei propri compagni. Ma, come sempre, non è sempre oro quello che luccica.

In uno di questo video – che conta ben 1,3 milioni di likes, una ragazza canta mangiando patatine sul divano e nella didascalia scrive: «quando passi da lavorare 70 ore a settimana e vivere in un freddo appartamento merd*so a essere una stay-at-home-girlfriend che indossa ciabatte da 1.000 dollari, è pazzamente innamorata, e le uniche cose che ha in agenda sono andare a Pilates, ordinare la cena e fantasticare su quando sarai fidanzata». E poi spiega la sua scelta: «odio lavorare. Odio il fatto che gli uomini abbiano perso il loro istinto a proteggere e offrire. Odio quanto le donne siano esauste di questi tempi. Voglio solo diventare una moglie casalinga, prendermi cura di me, avere una piccola bambina e sentirmi rilassata e felice».

Un’utente cerca di scherzare e scrive: «vado a fare i miei stupidi esercizi in palestra così il mio stupido ragazzo ricco non mi lascerà». Ma le insidie di questo stile di vita potrebbe essere di carattere psicologico. In uno di questi video una orgogliosa stay-at-home-girlfriend si filma mentre, durante la routine quotidiana, scrive i suoi pensieri su un diario. Una social creator ha deciso di stoppare il video in quel momento per leggere cosa avesse messo su carta, dal fermo immagine si legge: “insoddisfatta del mio aspetto“, “stagnazione nella mia carriera/soddisfazione/appagamento” e “mancanza di vita sociale divertente/eccitazione“; l’altra faccia di una medaglia che a prima vista sembrerebbe tirata a lucido.

La vera domanda, per molti che assistono a questi video è, durerà per sempre? Una follower risponde: «ogni volta che vedo i video di queste stay-at-home-girlfriends mi chiedo: cosa succederà quando vi lascerete? Non c’è nemmeno un contratto, come nei matrimoni, che potrà proteggerle. Ho paura per loro». Ciò sembrerebbe accadere perché, al pari dell’indipendenza economica, anche la dipendenza economica è ben lungi dall’essere normalizzata.

Il trend, come molti altri, dimostra come i social network siano sempre più lo specchio di una società in continua evoluzione piena di contraddizioni e punti di vista.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: PIXABAY