dia

Sgominato il clan camorristico a Napoli

Un’indagine durata tre anni della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, coordinata con i carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna e il personale della Direzione Investigativa Antimafia ha permesso di arrivare a sgominare il clan camorristico Sangermano, con sede a Napoli, che estendeva i suoi interessi nell’agro nolano e nella provincia di Avellino.

Sono state arrestate 25 persone ritenute vicine al clan gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, illecita concorrenza, usura, autoriciclaggio e porto e detenzione illegale di armi comuni da sparo, quest’ultimi reati aggravati dalle finalità e modalità mafiose.

Sono stati sequestrati immobili, terreni, fabbricati, società, auto e rapporti finanziari per un valore di circa 30 milioni di euro.

Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero portato avanti diverse condotte estorsive attraverso l’imposizione di articoli caseari a numerosi esercizi commerciali della zona, e indotto gli imprenditori all’acquisto di materiale per l’edilizia da una sola rivendita.

La presenza del clan sul territorio era così evidente e importante che nel corso della processione della patrona del Paese, l’effigie della Santa era stata fatta “inchinare” davanti alla casa del boss.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/CARABINIERI DIA