mattarella

In occasione della Giornata mondiale del risparmio il presidente ricorda la difesa del valore dei redditi come un “compito primario” delle istituzioni

Il 31 dicembre ricorre la giornata mondiale del risparmio, un’occasione che il presidente della Repubblica coglie per ribadire come la “difesa del valore dei redditi e del risparmio contro la crescita dell’inflazione, dovuta all’impennata del costo dell’energia e degli altri beni di prima necessità, appare, più che mai, un compito primario al quale la Repubblica è tenuta per Costituzione“.

Nel messaggio della Presidenza della Repubblica c’è anche un plauso al ruolo delle Fondazioni bancarie, “veicolo molto prezioso” la cui “funzione è accentuata in questa stagione per attenuare gli impatti sociali negativi“, senza però che “debba venir meno il primario compito delle istituzioni pubbliche“.

«Nell’era dell’incertezza la fiducia è merce preziosa, indispensabile per la ripartenza: offrire un clima positivo e una rete di sicurezza è responsabilità che non può essere evasa».

«Una responsabilità accresciuta deve essere percepita dalle banche e dagli altri operatori finanziari in questa direzione – aggiunge ancora il capo dello Stato: – non si farà mai abbastanza per rafforzare la resilienza di individui e imprese, specie del tessuto medio-piccolo».

In occasione della ricorrenza interviene anche Ignazio Visco: «l’andamento del risparmio riflette spinte contrastanti – dichiara il governatore di Bankitalia. – Da un lato, è sostenuto dalla risposta di natura precauzionale delle famiglie all’elevata incertezza sulle prospettive economiche. Dall’altro, è indebolito dal tentativo di mantenere adeguati livelli di consumo a fronte del notevole acuirsi delle pressioni sui prezzi».

di: Marianna MANCINI

FOTO: Ansa/Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica