ANSA / Matteo Corner

Meloni: “chiamatemi come volete, anche Giorgia”

«Auto a benzina, diesel e metano fuorilegge in Europa dal 2035? Un errore, un regalo alla Cina: fabbriche e negozi chiusi in Italia e in Europa, operai e artigiani senza lavoro e stipendio, e dipendenza a vita dalla Cina». Così su Twitter il vicepremier e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, sottolineando che “la Lega in Europa farà di tutto per fermare questa follia”.

Le parole di Salvini arrivano in seguito all’accordo raggiunto in Ue sullo stop alle auto inquinanti dal 2035. I negoziatori del Parlamento e della presidenza di turno ceca del Consiglio a Bruxelles hanno trovato un’intesa provvisoria sulla revisione degli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 per le automobili nuove e i veicoli commerciali leggeri.

Manovra, fonti di governo: “3/4 delle risorse al pacchetto energia”

Secondo fonti di governo, 3/4 delle risorse della Manovra andranno al pacchetto energia.

Stando a quanto riferito, nelle legge di Bilancio saranno previsti interventi importanti sulle bollette per imprese e famiglie. Il restante 25% sarà invece destinato ad altre misure.

Meloni: “chiamatemi come volete, anche Giorgia”

Giorgia Meloni, presidente del Consiglio, è intervenuta su Instagram in merito alla polemiche suscitate dalla scelta di usare il maschile per definire il suo ruolo.

«Leggo che il principale tema di discussione di oggi sarebbe su circolari burocratiche interne, più o meno sbagliate, attorno al grande tema di come definire la prima donna presidente del Consiglio. Fate pure. Per come la vedo io, potete chiamarmi come credete, anche Giorgia» ha dichiarato Meloni, che ha sottolineato che, in quanto premier, si sta occupando di “bollette, tasse, lavoro, certezza della pena, Manovra”.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA / Matteo Corner