ANSA/FABIO MURRU

Angelo Brancasi aveva confessato l’omicidio di Alessio Madeddu, proprietario di un ristorante a Porto Budello, in Sardegna. Il 44enne dovrà comparire davanti alla Corte d’Assise di Cagliari il 19 gennaio

È stato rinviato a giudizio Angelo Brancasi, reo confesso dell’omicidio dello chef Alessio Madeddu. Il 44enne dovrà comparire il prossimo 19 gennaio davanti alla Corte d’Assise di Cagliari.

Il gup Roberto Cau ha accolto la richiesta della pm Rita Cariello e ha disposto il processo nei confronti di Brancasi, che deve rispondere di omicidio pluriaggravato. La procura, infatti, oltre alla premeditazione contesta all’uomo anche l’aggravante della crudeltà e quella dei futili motivi.

Secondo gli inquirenti, Brancasi avrebbe ucciso Madeddu, 52 anni, per una relazione che lo chef avrebbe avuto con sua moglie, dipendente dell’ittiturismo Sabor’e Mari gestito dalla vittima a Porto Budello a Teulada.

Il 28 ottobre 2021 i carabinieri avevano trovato il corpo senza vita di Madeddu davanti all’ingresso del ristorante. . La relazione del medico legale Roberto Demontis aveva chiarito che lo chef era stato accoltellato ripetutamente, colpito con violenza alla testa con un oggetto contundente e poi travolto da un’auto. Sul luogo del delitto era stata ritrovata un’accetta.

Dopo l’arresto Brancasi aveva confessato l’omicidio prima ai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Cagliari e ai colleghi della Compagnia di Carbonia, e poi alla pm Cariello.

Alessio Madeddu era noto anche per aver partecipato a una puntata di 4 ristoranti, programma televisivo condotto da Alessandro Borghese.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/FABIO MURRU