EPA/ALISA YAKUBOVYCH

Zelensky: “il mondo può e deve fermare questo terrore”

Ukrainska Pravda ha riportato la notizia della diramazione dell’allerta di raid aerei su tutta l’Ucraina, unica eccezione la Crimea occupata. L’allerta è scattata alle 7:55 di questa mattina.

Secondo quanto riporta Suspilne questa mattina nelle zone occidentali e nord-occidentali dell’Ucraina, tra Rivne, Kovel, Volyn e Lutsk, si sono udite diverse esplosioni e una persona sarebbe rimasta ferita. La conferma arriva anche dal capo dell’amministrazione militare-civile di Volyn, Yuriy Pogulyajko.

Secondo le autorità ucraine sono stati lanciati almeno 20 missili russi dal Mar Nero e dalla regione di Kursk contro regioni dell’ovest del Paese (Leopoli e Chernivtsi) e anche nell’oblast di Volinia, a Rivne o Khmelnytskyi.

Su Telegram il presidente Zelenksy ha lanciato un appello per la fine delle ostilità: «l’aggressore continua a terrorizzare il nostro Paese. Nella notte, il nemico ha lanciato un attacco massiccio: 36 razzi, molti dei quali sono stati abbattuti. Grazie a tutti gli operai nei servizi energetici che stanno attualmente lavorando sui siti colpiti e ripristinando le nostre infrastrutture. Il mondo può e deve fermare questo terrore».

A Kiev e Chernivtsi secondo le notizie riportare da Ukrinform sono stati abbattuti due missili russi. Su Telegram il capo della polizia Andrii Niebytov ha scritto che “non sono state segnalate vittime o danni. I frammenti del missile sono caduti nell’area della foresta“.

Dall’operatore energetico Ukrenergo arriva la denuncia dei bombardamenti alle infrastrutture energetiche. Sui social Ukrenergo ha scritto: «effettuato un altro attacco missilistico alle strutture energetiche delle principali reti delle regioni occidentali dell’Ucraina. L’entità del danno è paragonabile o potrebbe superare le conseguenze dell’attacco del 10-12 ottobre».

Secondo quanto riporta la deputata Kira Rudik sarebbero “un milione e mezzo di ucraini senza elettricità in questo momento. L’oscurità totale e il freddo stanno arrivando“. Anche Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente, ha spiegato che è stato inferto “un altro audace attacco degli occupanti alle nostre infrastrutture“.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: ANSA/EPA/ALISA YAKUBOVYCH