ANSA/EPA/DAVID MAXWELL

Ennesimo capitolo della vicenda del sequestro di carte a Mar-a-Lago

Donald Trump e i suoi legali devono fornire prove che dimostrino che i dubbi sulle carte sequestrate nella sua residenza di Mar-a-Lago siano legittimi.

I legali di Trump sostengono infatti che alcune carte siano state piazzate appositamente nella sua proprietà. Il consulente speciale nominato per la revisione dei documenti sequestrati ha chiesto un elenco dettagliato di quanto sequestrato nel blitz così da poter confrontare le informazioni con quelle fornite dall’ex presidente degli Stati Uniti.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: ANSA/EPA/DAVID MAXWELL