EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY

Il presidente Zelensky ringrazia l’Occidente per il sostegno. Blinken: “qualunque referendum sarà illegittimo”

La tensione in Ucraina è alle stelle, con il Donbass che si prepara ai referendum, sostenuti apertamente da Vladimir Putin e condannati aspramente dall’Occidente. Il presidente ucraino Zelensky ha ringraziato gli alleati per “la massiccia e ferma condanna delle intenzioni della Russia di organizzare un altro pseudo-referendum“.

Antony Blinken, segretario di Stato Usa, ha scritto su Twitter che “qualunque referendum-farsa in Ucraina sarà illegittimo e costituirà un affronto ai principi di sovranità e di integrità territoriale che sono alla base della Carta dell’Onu”. Tramite un secondo tweet rimarca: «se la Russia terrà questi referendum-farsa, gli Usa e la comunità internazionale non riconosceranno mai le pretese di Mosca su nessuna delle presunte annessioni di parti di territorio ucraino».

Anche l’Osce ha condannato i piani per tenere referendum su “territori occupati dell’Ucraina”: «qualsiasi elezione o referendum sul territorio dell’Ucraina può essere annunciato e condotto solo da autorità legittime in conformità con la legislazione nazionale e gli standard internazionali. Pertanto il previsto referendum sarà illegale».

AL FRONTE

Energoatom ha accusato la Russia di aver colpito nuovamente la centrale atomica di Zaporizhzhia, nel sud del Paese, durante la notte.

Vladimir Putin “vorrebbe che l’Ucraina annegasse nel sangue, ma anche nel sangue degli stessi soldati russi“, accusa Zelensky dopo il discorso del leader russo.

di: Micaela FERRARO

FOTO: EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY