Spari vicino alla casa del rifugiato politico Vladimir Osechkin

A Biarritz è stato quasi compiuto un attentato al dissidente politico anti-Putin Vladimir Osechkin.

Osechkin ha fondato la ong per i diritti umani Gulagu.net che denuncia tortura e corruzione del sistema carcerario russo. Da febbraio il rifugiato politico è stato informato di un piano di assassinio contro di lui ed è sotto protezione delle polizia.

Osechkin ha raccontato inoltre di essere sopravvissuto a un agguato il 12 settembre. Racconta il dissidente: «intorno alle 21, ero a casa e stavo lavorando al buio, non avevo acceso la luce. Quando sono rientrati mia moglie e i miei figli, abbiamo acceso la luce e iniziato a dare da mangiare ai bambini, e ho notato un puntino rosso (forse un mirino laser) che si muoveva sulla ringhiera di una delle terrazze e poi verso di me sul muro. Abbiamo spento la luce ci siamo sdraiati sul pavimento, abbiamo chiuso le imposte e abbiamo chiamato la polizia. Quando la polizia è arrivata, è entrata in casa e ha cercato di aprire la persiana, ha sentito anche degli spari, poi ha interrogato i vicini che hanno sentito anche loro gli spari».

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: