soccorsi marche dispersi

Il presidente di Regione Acquaroli è stato nominato commissario per l’emergenza

Anche questa notte a Senigallia e dintorni è trascorsa al lume delle luci fotoelettriche alla ricerca dei due dispersi dopo l’alluvione del 15 settembre.

I due dispesi sono il piccolo Mattia di 8 anni, e la 56enne Brunella Chiù: il numero delle vittime accertate è di 11 persone, un bilancio che si è aggiornato ieri dopo il ritrovamento e l’identificazione di Michele Bomprezzi, 47enne fratello dell’ex sindaco di Arcevia.

I soccorsi non sono al lavoro solo nella provincia di Ancona: in tutta la Regione ieri sono stati fatti diversi interventi dato il perdurare del maltempo. Nel maceratese sono crollati alcuni ponti, con il conseguente isolamento di alcune famiglie nelle campagne. Diversi danni anche nel pesarese dove ieri è passata anche una tromba d’aria.

Intanto ieri il capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha firmato l’ordinanza che disciplina i primi interventi urgenti per le province di Ancona e Pesaro-Urbino, nelle Marche, colpite da una devastante alluvione.

L’ordinanza nomina il presidente della Regione Francesco Acquaroli commissario delegato.

«Abbiamo centinaia di uomini e donne del volontariato di protezione civile e delle strutture operative al lavoro sul territorio ma in momenti difficili come questi è importante anche dare velocemente al territorio un quadro normativo di riferimento – ha dichiarato Curcio – Il Consiglio dei Ministri ha decretato ieri lo stato d’emergenza e come Dipartimento abbiamo lavorato incessantemente per chiudere già oggi questa prima ordinanza che, oltre a nominare il commissario delegato, consente l’erogazione del contributo di autonoma sistemazione a quei cittadini la cui abitazione abbia subito danni o sia stata sgomberata, e i primi interventi necessari per la messa in sicurezza del territorio».

di: Francesca LASI

aggiornamento di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/US SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO