ANSA/EPA/MARTIN DIVISEK

Il vicepresidente della Commissione Ue mette in guardia l’Italia: “le tempistiche di attuazione sono molto strette”

Le elezioni del 25 settembre gettano qualche ombra sul progetto del Pnrr, con il dibattito politico interno italiano che apre alle modifiche del piano da un lato e l’Europa che invece tiene il punto sul programma stabilito dall’altro.

Oggi a pronunciarsi sul Pnrr e sull’ipotesi di eventuali correttivi è anche il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, secondo cui piccoli aggiustamenti sono possibili “se ci sono circostanze oggettive“.

Una ridiscussione radicale del progetto sarebbe invece pericolosa: “le tempistiche di attuazione sono molto strette” e dunque si correrebbe il rischio di perdere tempo e dunque accesso ai fondi.

Ieri anche la presidente della Commissione Ue Von der Leyen si è detta “fiduciosa che qualsiasi governo sosterrà questo ottimo Piano che l’Italia ha“.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/EPA/MARTIN DIVISEK