ANSA / MICHELE LUGARESI MAIKID - Goigest Press Office

In 20mila firmano contro i grandi eventi sulle spiagge. La replica: “econazisti, il nostro progetto tiene conto dell’ambiente”

Continuano le polemiche per il Jova Beach party, accusandolo di distruggere l’ecosistema delle spiagge.

Il cantante, Lorenzo Cherubini, oltre ad aver “lucchettato” il suo profilo così da rendere fruibile Twitter solo ai suoi follower confermati, ha risposto ai detrattori definendoli “econazisti“, sottolineando che “il nostro è un progetto fatto bene che tiene conto dell’ambiente“. 

Nel frattempo, più di 20 mila persone hanno firmato su change.org una petizione che dice “no ai grandi eventi su spiagge e siti naturali” lanciata da associazioni ambientaliste e animaliste come Enpa, Lav, Marevivo Onlus e Sea Shepherd Italia. 

Per le associazioni “non esistono concerti ecosostenibili in spiagge o aree naturali, anzi“, ed è per questo che “chiediamo che siano introdotte al più presto norme che vietino pratiche pericolose e ingiuste, dal momento che esistono luoghi storicamente deputati allo svolgimento di tali spettacoli, come stadi e arene“.

Dalla Toscana arriva direttamente una lettera per Jovanotti da parte dei Giovani Verdi: «Sulla spiaggia del Muraglione, dove è in programma il concerto, sono tornate a insediarsi alcune piante pioniere, che se lasciate prosperare daranno origine ad un nuovo ecosistema dunale, quello che sulla costa versiliese abbiamo distrutto quasi nella sua interezza, a parte nella riserva naturale della Lecciona», si legge nella nota dei Giovani, che sostengono “tutto questo ecosistema e queste dinamiche sarebbero messe a repentaglio dal tuo concerto sulla spiaggia. Per quanto riguarda Viareggio ci permettiamo di suggerirti, caro Jovanotti, la suggestiva cornice di Piazza Mazzini, che pure è aperta su un tratto di spiaggia libera”.

Ma nonostante le polemiche di alcuni ambientalisti, la Commissione provinciale di vigilanza di pubblico spettacolo ha approvato, con parere positivo, il concerto di Jovanotti dando il via libera all’allestimento dell’area per il Jova beach party in programma a Vasto il pomeriggio del 19 agosto.

Intanto sui social prosegue lo scambio di battute tra Tozzi-Cherubini, con Jovanotti che sottolinea come le spiagge, dopo i suoi concerti, vengono lasciate “meglio di come le trovano”, concludendo con un invito diretto a Tozzi: «Tu prof. Tozzi sei uno serio, sei uno che sa le cose e le sa anche comunicare, io ti invito a vedere di persona quello che facciamo, dove vorrai, ti offro anche della frutta fresca in contenitore compostabile, o una birra al tramonto se vorrai», aveva scritto Jovanotti.

di: Federico ANTONOPULO

FOTO: ANSA / MICHELE LUGARESI MAIKID – Goigest Press Offic