ANSA / CIRO FUSCO

Così il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, parlando al termine del forum bilaterale con Medef a Parigi

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha dichiarato al termine del forum bilaterale con Medef a Parigi: «Il piano sull’energia va discusso col governo ma io penso che debba essere preservata l’industria a favore del paese per non aggiungere un problema al problema. Ci saranno delle scelte da fare sui flussi di gas, non facili per l’Italia perché affronterà un periodo elettorale. Non è semplice decidere a chi verrà razionato il gas ma come ha insegnato la pandemia l’industria è fondamentale perché vuol dire redditi, logistica, farmaci, welfare».

Sempre Bonomi, ha aggiunto che di fronte a “un razionamento del gas non sarà facile, rispetto al tema dell’inflazione che sta erodendo la capacità di acquisto. Noi dobbiamo sostenere la crescita dei paesi e anche questa c’è stata una condivisione non solo di Confindustria – Medef ma anche le 35 organizzazioni che si sono incontrate a Praga 3 settimane fa e hanno condiviso che vanno tagliate le tasse sul lavoro“, aggiungendo che c’è necessità che “i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, come Italia e Francia, ripensino la propria strategia”.

In merito al price cap, ha affermato che “la nostra posizione è nota, è molto complicato perché ci sono paesi che hanno una posizione diversa. Sulla tassonomia noi abbiamo fatto una scelta sul nucleare 34 anni fa ma è una scelta fatta sulle tecnologie di 34 anni fa, va ripensata e il nucleare diventa fondamentale”.

di: Federico ANTONOPULO

FOTO: ANSA / CIRO FUSCO