Nuovo caso di meningoencefalite amebica primaria da Naeglaria fowleri nell’Iowa

Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Iowa ha reso noto che la chiusura “della spiaggia di Lake of Three Fires State Park è una misura precauzionale presa in seguito all’accertamento di un’infezione da Naeglaria fowleri in un residente del Missouri”. Si tratta del secondo caso in America di meningoencefalite amebica primaria causata da Naeglaria fowleri, la cosiddetta ameba mangia cervello.

La malattia è un’infezione acuta, fulminante e il più delle volte rapidamente mortale che colpisce il sistema nervoso centrale che, viene attaccato e divorato dall’ameba. La malattia è piuttosto rara, specifica il comunicato del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Iowa, e “dal 1962 a oggi sono stati identificati solo 154 casi negli Stati Uniti”. L’ameba vive nell’acqua dolce calda, come quella dei laghi, dei fiumi e delle sorgenti termali, ma anche nelle piscine prive di cloro o con scarsa manutenzione. Dei 154 casi americani solo cinque persone sono sopravvissute.

L’ameba entra in contatto con la persona ed entra nel naso, andando fino al cervello distruggendo il tessuto cerebrale, non si tratta di un’infezione contagiosa e non ci sono rischi a bere acqua contaminata. I primi sintomi includono forti mal di testa, febbre, nausea e vomito, possono presentarsi anche allucinazioni, convulsioni e coma. I sintomi si sviluppano circa cinque giorni dopo l’infezione e solitamente la morte sopraggiunge 18 giorni dalla comparsa dei sintomi.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: ANSA