Salgono a 24 le vittime dell’attacco missilistico al palazzo di Chasiv Yar

Un missile russo ha colpito un edificio residenziale di 6 piani nella città di Kharkiv distruggendolo in parte. È stata estratta viva dalle macerie una donna anziana, non si hanno notizie di altre vittime.

La situazione nella città è critica, tanto che il sindaco Terekhov ha annunciato che “con l’attuale tasso di bombardamenti non si può parlare di ritorno a scuola dei bambini” e che “ci prepareremo solo per l’istruzione online dal 1 settembre“.

Intanto le forze ucraine hanno ripreso il controllo del villaggio di Ivanivka, nella Regione di Kherson, che era caduta in mano russa nei giorni scorsi.

Salgono a 24 le vittime a Chasiv Yar, la cittadina nella regione di Donetsk colpita ieri nell’Ucraina orientale. I soccorritori stanno ancora setacciando le macerie alla ricerca dei dispersi.

Intanto Putin ha firmato un decreto per estendere la procedura semplificata per ottenere la cittadinanza russa a chiunque risieda permanentemente in Ucraina; questo decreto in precedenza si applicava solo alle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e alle regioni di Kherson e Zaporizhzhia.

Anche l’assistente del sindaco di Mariupol Andriushchenko ha lanciato un allarme a tal proposito: secondo il consigliere la Russia avrebbe in programma di reclutare i residenti di Mariupol nell’esercito entro l’autunno per impiegarli come “carne da cannone”. Andriushchenko ha quindi esortato gli abitanti della città costiera ad abbandonare la città “finché c’è tempo”.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA