TRIBUNALE PIXABAY

L’accusa era di omicidio volontario pluriaggravato. Nel novembre 2021 il 45enne uccise il figlio Matias con 10 coltellate

La Corte d’Assise di Viterbo ha condannato all’ergastolo Mirko Tomkov, il 45enne che il 16 novembre 2021 uccise a coltellate il figlio Matias di 10 anni.

L’accusa era di omicidio volontario pluriaggravato. Sull’uomo, già detenuto nel carcere di Mammagialla, gravava un divieto di avvicinamento alla famiglia per le violenze perpetrate nei confronti dell’ex moglie e del figlio.

«Sono entrato in casa e non c’era nessuno – ha dichiarato Tomkow nel corso della scorsa udienza – Sono entrato con le chiavi nascoste fuori. Con un coltello da cucina ho aperto la porta della soffitta. Ho fumato, bevuto e aspettato. Mentre ero lì ho sentito le ruote dello zaino di mio figlio che sbattevano sui gradini e sono sceso. Appena mi ha visto ha urlato di andarmene via».

A quel punto il 45enne, ubriaco, ha chiuso la bocca del figlio con lo scotch fino a soffocarlo, poi lo ha finito con più di 10 coltellate. Successivamente ha messo il corpicino di Matias nel cassettone del letto e lo ha cosparso di benzina.

di: Francesca LASI

FOTO: PIXABAY