Il commento della madre dopo la condanna all’ergastolo per aver ucciso Willy Monteiro Duarte

A seguito della condanna all’ergastolo dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, avvenuto lo scorso settembre 2020, i genitori e il loro avvocato, Massimiliano Pica, si sono espressi in merito: «È una sentenza ingiusta, non ce l’aspettavamo: sono stati condannati a furor di popolo». Anche Pica si è espresso in merito, dichiarando: «Cosa significano gli applausi alla lettura della sentenza? Perché erano contenti parenti e amici? C’è poco da essere soddisfatti con una tragedia così grande. Per me non è giustizia, ma si tratta di un aborto giuridico».

Durante un colloquio in carcere, la madre dei fratelli aveva già commentato la vicenda: «Siete su tutti i giornali. Nemmeno se fosse morta la regina», per poi aggiungere di essersi fatta carico della situazione in solitudine senza l’appoggio del marito.

Dopo le parole dell’avvocato Pica, ha ribattuto tempestivamente il legale di parte civile, Massimo Ferrandino: «Altro che sentenza mediatica, quella di Willy è il risultato di un solidissimo impianto accusatorio, costruito da tutto l’ufficio del pubblico ministero. I dottori Paoletti, Brando e Taglialatela hanno fatto un lavoro straordinario, scrupoloso, faticoso».

di: Federico ANTONOPULO

FOTO: ANSA/Antonio Nardelli