EPA/YAHYA ARHAB

Conflitti armati, insicurezza e sfollamento contribuiscono a uno scenario in peggioramento: 2,2 milioni di persone a rischio fame

Prosegue l’appello del Programma alimentare mondiale (Pam/Wfp) per i 68,4 milioni di dollari necessari a contrastare la crisi alimentare nella Repubblica Centrafricana.

«La Repubblica Centrafricana sta facendo fronte a bisogni umanitari senza precedenti e a una situazione di sicurezza alimentare in deterioramento – afferma Tomson Phiri, portavoce del Pam. – L’insicurezza alimentare nella Repubblica Centrafricana è determinata dagli effetti combinati del protratto conflitto armato interno, dalla persistente insicurezza e dallo sfollamento della popolazione».

Secondo le stime, al momento 2,2 milioni di persone su una popolazione di 5,5 milioni di abitanti vivono una grave situazione di incertezza alimentare, una fotografia destinata a peggiorare nei prossimi mesi, soprattutto alla luce dei rincari sulle materie prime alimentari come riso, farina e olio.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/EPA/YAHYA ARHAB