siccità ANSA/COLDIRETTI

Il basso livello delle acque del lago potrebbe portare le imbarcazioni a incagliarsi

L’allarme della siccità, per la quale sta per arrivare lo stato d’emergenza, continua ad alzarsi in Italia: Navigazione Lago Maggiore ha sospeso temporaneamente alcuni attracchi sulla sponda lombarda del Lago Maggiore dato il basso livello delle acque che potrebbe portare all’incaglio delle navi.

Niente scali quindi per Ranco, Ispra e Porto Valtravaglia, tutti nel varesotto. Per quanto riguarda invece i collegamenti tra le sponde di Intra e Laveno è stata ridotta la portata a pieno carico degli automezzi a bordo, fino a un massimo di 200 quintali.

Il direttore Riccardo Russo ha ribadito che “la sospensione di alcuni scali è una scelta cautelativa in quanto le nostre imbarcazioni potrebbero ritrovarsi in situazione di pericolo per secche o scogli affioranti“.

La Protezione Civile in queste ore sta lavorando a una proposta per un dpcm sulla siccità ma l’emergenza ha già spinto diverse Regioni e Comuni a intervenire con provvedimenti di razionamento dell’acqua.

Una missione resa difficile tanto dalle carenze strutturali del Paese (la rete idrica italiana perde oltre 40 litri ogni 100) quanto dalle nostre abitudini: il consumo pro capite quotidiano di acqua degli italiani è quasi il doppio rispetto a quello europeo, 236 litri contro 125 litri.

«La situazione è diversificata c’è una sofferenza nei bacini nella zona nord occidentale – ha spiegato due giorni fa il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio – il Piemonte ad esempio vive una crisi idropotabile, e nord orientale del Paese, ma anche al centro ci sono criticità, anche se diverse. Tra l’altro la criticità riguarda l’idropotabile, ma anche l’agricoltura e l’approvvigionamento energetico. Non piove da settimane il cuneo salino è risalito di decine di chilometri e inquina l’acqua irrigua. Le tendenze non sono positive, nelle prossime settimane non ci sarà una inversione di tendenza. Tra l’altro questi periodi di siccità potranno essere alternati da possibili momenti di piogge intense».

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/COLDIRETTI