Alle elezioni suppletive dopo un secolo il partito di BoJo perde il Devon. Male anche in Tiverton e nell’Honiton

Si è dimesso Oliver Dowden, il presidente del partito conservatore britannico di Boris Johnson, una decisione che segue la sconfitta alle elezioni parlamentare suppletive di giovedì 23 giugno.

Per la prima volta dopo un secolo i Tory hanno perso il Devon, uno dei due seggi a cui hanno detto addio con le elezioni. Anche il collegio elettorale di Tiverton and Honiton è passato ai Liberal Democratici. Questo era stato conquistato nel dicembre 2019 dal conservatore Neil Parish che era stato però costretto a lasciare dopo aver ammesso di aver guardato porno sul cellulare mentre si trovava in aula ai Comuni.

I laburisti si sono aggiudicati anche Wakefield, nel nord Inghilterra, che tre anni fa era passato ai conservatori: il seggio era tornato vacante anche in questo caso dopo che il conservatore Imran Ahmad Khan è stato incarcerato per aver aggredito sessualmente un adolescente.

Un risultato elettorale disastroso per Boris Johnson, già in sofferenza dopo mesi di scandalo per il Partygate: solo poche settimane fa BoJo è rimasto in piedi per miracolo quando i suoi stessi parlamentari hanno tentato di farlo cader.

«Qualcuno deve assumersi la responsabilità e ho concluso che, in queste circostanze, non sarebbe giusto per me rimanere in carica», ha scritto Dowden al premier nella lettera di dimissioni.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA