Attimi di paura per il malore che ha colpito Anita Alvarez ai Mondiali di nuoto di Budapest

Durante i Mondiali di nuovo di Budapest, Anita Alvarez, partecipe alla prova artistica, ha perso i sensi durante la sua prestazione. Intervenuta tempestivamente l’allenatrice, Andrea Fuentes, che si è subito tuffata in piscina per prestarle soccorso. Fortunatamente, la sincronetta si è ripresa senza conseguenze.

Fuentes ha riassunto il fatto su Instagram: «Anita sta bene-i medici hanno controllato tutti i parametri vitali e tutto è normale: frequenza cardiaca, ossigeno, livelli di zucchero, pressione sanguigna, ecc… tutto è a posto. A volte dimentichiamo che questo accade in altri sport ad alta resistenza. Maratona, ciclismo, cross country… abbiamo visto tutti immagini in cui alcuni atleti non arrivano al traguardo e altri li aiutano ad arrivarci. Il nostro sport non è diverso dagli altri, solo che si svolge in piscina, superiamo i limiti e a volte non ce ne accorgiamo. Anita si sente bene ora e anche i dottori dicono che sta bene».

Oggi la Federnuoto internazionale, Fina, ha annunciato che verranno riviste le norme vigenti che impediscono ai bagnini l’intervento senza segnale dell’arbitro. In una dichiarazione, FINA ha rivelato che gli assistenti assunti possono entrare, infatti solo previa autorizzazione degli arbitri, ed è per questo motivo che Fuentes è stata più veloce. «Secondo il regolamento, (i bagnini) possono saltare in piscina solo dopo aver ricevuto un segnale dal corpo degli arbitri», dichiara Béla Merkely, direttore del servizio sanitario mondiale, che ha ammesso la non tempestività degli arbitri in turno.

Ma non è la prima volta che Alvarez sviene: lo scorso anno ha perso i sensi durante un evento di qualificazione alle Olimpiadi a Barcellona.

di: Federico ANTONOPULO

FOTO: ANSA/Zsolt Szigetvary / STF