petro EPA/Mauricio Dueñas Castañeda

Partono “con il piede giusto” i rapporti fra la Casa Bianca e il neo-insediato presidente colombiano

Il neoeletto presidente Gustavi Petro, il primo leader della sinistra a capo della Colombia, ha ricevuto due chiamate da Washington solo nelle ultime 24 ore, sentendo il segretario di Stato Antony Blinken prima e il presidente Biden poi in una conversazione “molto amichevole“.

Piccoli segnali che però potrebbero indicare “la via di una relazione diplomatica più intensa e normale“, come ha rivendicato lo stesso Petro su Twitter: «nelle sue parole ha assicurato un rapporto ‘più equo’ a beneficio di entrambi i popoli».

Ieri il presidente Biden si è detto “impaziente di lavorare con Petro per continuare a rafforzare la cooperazione bilaterale, anche sui cambiamenti climatici, la sicurezza sanitaria e l’attuazione dell’accordo di pace del 2016“, confermando di essere pronto a confrontarsi anche su sicurezza bilaterale e cooperazione anti-droga.

L’ultima volta, il presidente uscente Iván Duque aveva dovuto aspettare cinque mesi prima di poter parlare con Biden alla Casa Bianca.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/EPA/Mauricio Dueñas Castañeda